Federico Lena relatore in commissione agricoltura

(Regione Lombardia) Sarà discussa oggi  in Commissione Agricoltura la modifica al “Testo unico delle leggi regionali in materia di Agricoltura, Foreste, Pesca e Sviluppo Rurale” relativa alla promozione dei prodotti locali.

“Con le modifiche apportate, chiederemo che Regione Lombardia favorisca l’organizzazione, l’allestimento e la promozione dei cosiddetti prodotti a km 0 – spiega il relatore al testo di legge, il consigliere regionale Federico Lena.

“Il testo – prosegue Lena – introdurrà alcune novità sostanziali sulle procedure di appalto pubblico per quanto riguarda le forniture di prodotti agricoli e agroalimentari destinati alla ristorazione collettiva. Le novità principali sono l’introduzione di specifici criteri di qualificazione ambientale aventi lo scopo di contenere i consumi energetici, limitare le distanze di trasporto, tutelare le risorse ambientali, garantire la freschezza e la qualità dei prodotti e assicurare l’esercizio delle attività di controllo sugli stessi. Per fare questo, saranno inseriti criteri preferenziali relativamente all’aggiudicazione, l’utilizzo di derrate di prodotti agricoli freschi, semilavorati e lavorati che seguano la stagionalità della terra e che rispettino il principio della minore distanza di trasporto”.

“È un testo di legge incredibilmente innovativo ed è importante che Regione Lombardia ne comprenda l’importanza che lo stesso riveste nel sistema alimentare e agroalimentare della nostra regione. I nostri prodotti dovranno essere aiutati ad essere introdotti nei nostri esercizi con programmi di sviluppo commerciali adeguatamente predisposti. Saranno inoltre introdotti appositi accordi con i rappresentanti dei produttori agricoli e degli operatori della ristorazione collettiva per l’adozione di diete alimentari che privilegino l’utilizzo di alimenti legati alla stagionalità della terra e al rispetto del principio della minore distanza di trasporto. Verranno anche stipulati accordi con l’ANCI affinché le amministrazioni locali adottino appositi provvedimenti per l’utilizzo e il rispetto dei criteri di qualificazione ambientale nell’aggiudicazione delle gare concernenti la ristorazione collettiva nei servizi pubblici”.

“Regione Lombardia – spiega il consigliere regionale sostenitore dell’importanza dei prodotti regionali – promuoverà anche l’istituzione di un apposito contrassegno, che non avrà valore di marchio qualitativo, per l’identificazione delle imprese esercenti attività di ristorazione e delle strutture ricettive operanti in Lombardia che garantiranno l’impiego prevalente di prodotti agricoli seguendo la stagionalità della terra e il rispetto del principio della minore distanza di trasporto.

Nell’ambito della nuova legge verranno promossi accordi quadro con i rappresentanti della media e grande distribuzione, per favorire la creazione di appositi spazi destinati alla vendita esclusiva di prodotti agricoli regionali nell’ambito degli esercizi di vendita al dettaglio di generi alimentari.

mercato